• Vetrata raffigurante la Madonna Assunta. XX Secolo
  • Interno della Chiesa di S.Maria Assunta.
    Il crocefisso intagliato posto sull'architrave della Chiesa, opera di Pietro Teraneo di Bergamo (1788).
  • Busto Beato Giovanni XXIII
    Realizzato a mano in polvere di marmo di Carrara, decori in oro zecchino
  • Chiesa della Beata Vergine di Lourdes
    Piazza della Chiesa: sulla destra, la chiesa dedicata alla Beata Vergine di Lourdes edificata tra il 1890 e il 1895.
  • Erve
    Parrocchia Santa Maria Assunta.
  • Decorazione delle volte
    Vergine coronata di stelle tra gli arcangeli Gabriele e Michele. Artista: L.Morgari (1907)
  • Decorazione delle volte
    Madonna Assunta. - Artista: L.Morgari (1907)
  • Parrocchia di S.Maria Assunta in Erve
    Negli Atti della visita pastorale del Cardinale Gabriele Sforza, avvenuta nel 1455, è registrata una chiesa in territorio di Erve, dedicata a Santa Maria Assunta. Il 12 novembre 1506 la chiesa di Erve viene staccata dalla parrocchia di San Lorenzo di Rossino ed eretta in parrocchia autonoma da Ippolito I d'Este, cardinale di Milano.
  • Madonna e i misteri del rosario
    Carlo Antonio Procaccini, primo quarto del XVII secolo.

Lettera di una parrocchiana

 

Martedì' 9 luglio si è svolta la gita sull'Adda organizzata dalle Parrocchie di Erve e di Rossino.

Un'uscita socio-culturale e un'occasione per un momento "insieme" di arricchimento interiore. 

La giornata, con un clima favorevole e una leggera brezza, ha piacevolmente animato i cuori dei partecipanti facendo dimenticare il caldo afoso dei giorni precedenti.

Arrivati al molo di Trezzo sull'Adda ci siamo imbarcati sul battello 'Romolo', denominato così  perchè precedentemente era stato in uso sul Tevere, ci ha spiegato il comandante/guida mentre andavamo alla scoperta di uno dei paesaggi tra i più suggestivi della Lombardia.

Tra oasi naturali e monumenti storici, cullati  sulle acque dell'Adda, ed immersi nella quiete, abbiamo potuto ammirare le bellezze del creato ed apprezzarle in un surreale silenzio interrotto solo dal fruscio delle onde e dal canto degli uccelli.

Durante il tragitto, il comandante del battello ci ha descritto la vita di Leonardo da Vinci nei quattro anni vissuti in questi luoghi, dove spostandosi per necessità tra Milano e Trezzo attraverso l'Adda e i navigli, capì l'importanza di rendere meno difficoltosa la navigazione di tale percorso, ingegnandosi così alla costruzione di grandi opere.

Dopo aver navigato per alcuni chilometri il fiume Adda, assorti nell'ascolto del racconto del comandante,  all'improvviso ecco apparire maestosa la Centrale Treccani, monumento storico ideato nell'ottocento per dare elettricità alle comunità limitrofe tra cui il famoso 'Villaggio Crespi d'Adda', oggi patrimonio dell'Unesco. 

Al termine della navigazione la nostra comitiva si è diretta verso il castello per la visita alla mostra di Leonardo, esposta in occasione del 500° anniversario della sua morte, qui sono state allestite le sue varie invenzioni, riprodotte in legno da un artigiano toscano in dimensioni reali. Dopo i più coraggiosi, tra noi parrocchiani, hanno percorso i 240 gradini della Torre del Castello per ammirare, oltre al meraviglioso panorama mozzafiato, i capolavori riproducenti i dipinti del Grande Genio.

Prima del rientro, non poteva certo mancare, tra un panino e  una bibita, un momento conviviale con scambi di impressioni, condivisioni ed emozioni del trascorso 'pomeriggio insieme'.

Concludo con la consapevolezza di quanto sia importante lo "stare insieme",  essenziale per crescere nella vita e nella comunità.

Grazie a tutti.