• Vetrata raffigurante la Madonna Assunta. XX Secolo
  • Interno della Chiesa di S.Maria Assunta.
    Il crocefisso intagliato posto sull'architrave della Chiesa, opera di Pietro Teraneo di Bergamo (1788).
  • Busto Beato Giovanni XXIII
    Realizzato a mano in polvere di marmo di Carrara, decori in oro zecchino
  • Chiesa della Beata Vergine di Lourdes
    Piazza della Chiesa: sulla destra, la chiesa dedicata alla Beata Vergine di Lourdes edificata tra il 1890 e il 1895.
  • Erve
    Parrocchia Santa Maria Assunta.
  • Decorazione delle volte
    Vergine coronata di stelle tra gli arcangeli Gabriele e Michele. Artista: L.Morgari (1907)
  • Decorazione delle volte
    Madonna Assunta. - Artista: L.Morgari (1907)
  • Parrocchia di S.Maria Assunta in Erve
    Negli Atti della visita pastorale del Cardinale Gabriele Sforza, avvenuta nel 1455, è registrata una chiesa in territorio di Erve, dedicata a Santa Maria Assunta. Il 12 novembre 1506 la chiesa di Erve viene staccata dalla parrocchia di San Lorenzo di Rossino ed eretta in parrocchia autonoma da Ippolito I d'Este, cardinale di Milano.
  • Madonna e i misteri del rosario
    Carlo Antonio Procaccini, primo quarto del XVII secolo.

    La comunità di Erve ringrazia il suo amato parroco don Luciano Tengattini per il ministero svolto nella parrocchia da ben 10 anni.

Giovedì 15 agosto, in occasione della Festa Patronale,  forte era l'emozione che regnava nella piccola chiesa dedicata a S. Maria Assunta.

 

Durante la Santa Messa concelebrata con  Padre Giuseppe Valsecchi (padre somasco nativo ervese a cui sono stati rivolti i ringraziamenti per la collaborazione e fraterna amicizia), il parroco don Luciano  ha rivolto proprio all’Assunta il suo pensiero per il saluto e messaggio alla sua comunità.

Ispirandosi al Magnificated indicando come esempio la figura umile e servile di Maria: '...Dio ha guardato la bassezza della sua schiava...', e poi sottolineando l'Assunzione al cielo, intendendola comequell'alzarci  dentro di noi, il farci trovare sempre pronti ad alzarci, come Maria, per metterci in cammino al servizio verso gli altri’. Durante la celebrazione, il parroco ha ricevuto i saluti da Padre Giuseppe Valsecchi, dalla Comunità di Erve e dal sindaco Giancarlo Valsecchi. 

Sono stati messi in risalto: lo stile con cui ha portato avanti il suo ministero, la semplicità, la modestia,  ma con la forza di lasciare un segno importante del suo servizio pastorale, le opere realizzate in parrocchia, il nuovo Oratorio e  soprattutto la sua capacità di portare con profonda testimonianza il messaggio di Gesù tra la comunità, nei momenti più belli, ma anche in quelli più dolorosi.

Prima di ricevere l'incarico di parroco ad Erve e Rossino, don Luciano ha vissuto l'esperienza missionaria in Bolivia, dove è rimasto 11 anni, dimostrando che la Fede si può trasmettere con la semplicità e le cose piccole di ogni giorno.

Il vescovo, mons. Francesco Beschi, ha destinato don Luciano Tengattini alla Parrocchia di Bolgare (Bg), come vicario parrocchiale, ed avrà un ruolo di collaboratore alla Caritas Diocesana.

Al suo posto subentrerà don Marco Tasca, già conosciuto nella Val San Martino per essere stato parroco del Pascolo, negli anni 2005-2009, ed anche di Vercurago, dal 2007-2009.

 

 

 

di seguito il messaggio della Comunità di Erve a don Luciano:

 

 

Carissimo don Luciano,

abbiamo tutti accolto con le lacrime agli occhi ed un profondo senso di vuoto il tuo annuncio che saresti andato a seguire altri fedeli, in un’altra Parrocchia.

Con il passare del Tempo, che non è nostro ma del Signore Iddio, abbiamo capito ed accettato scelte superiori e cerchiamo tutti di conservare nei nostri cuori  i momenti passati assieme, i tuoi insegnamenti e portare avanti la traccia che il tuo passaggio lascerà nella nostra Comunità.

Sembra ieri il giorno della tua prima S. Messa, nella nostra Chiesa, ma sono passati dieci anni.

Sei arrivato in mezzo a noi in punta di piedi, con la semplicità dei primi Cristiani ma con la forza di lasciare un segno importante del Tuo servizio pastorale.

Oggi questa piccola Comunità si trova raccolta per la Festa della nostra Patrona Maria Assunta .

Per noi è sempre stato e continuerà ad essere il giorno più importante perché celebriamo nell’Assunta la Madre di nostro Signore.

E’ per questo motivo che oggi l'intera Comunità vuole fermarsi un attimo a riflettere, a pensare ad esprimerti, in una sola e semplice parola, il suo Grazie. 

Un grazie corale che parte dal cuore di tutti e si palesa sui volti sorridenti dei bambini dell’Oratorio forse la tua opera più preziosa.  Sarà il testimone che lasci a noi e che porteremo avanti, con il sostegno della tua Preghiera.

I bambini sono il futuro, il cuore pulsante della nostra Comunità ma anche l’anello più debole ed hanno bisogno di garanzie.

Con il lavoro di molti volontari, con il tuo sostegno, con la frenetica attività di tante mamme e papà, senza dimenticare i benefattori e le benefattrici,  il vecchio cinema parrocchiale si è trasformato in un ambiente moderno, luminoso, pieno di vita e di colori.

E’ un vero peccato che tu debba lasciare la nostra Comunità, proprio ora che questa struttura è tornata finalmente a vivere.

Siamo sicuri che il nostro nuovo Pastore, don Marco, porterà avanti il nostro Oratorio con nuovo spirito ma con le stesse fondamentali motivazioni di dare ai nostri ragazzi un luogo che influisca a garantire loro un futuro sereno, ove ritrovarsi, fare Comunità, pregare in tutti i modi che ognuno di noi possa avere.

Ricordiamo molto bene la S. Messa di una domenica di Giugno di due anni fa in occasione del Campo alpino “ Rispetto e Natura” organizzato nella verde Val d’Erf.

In quell’occasione nelle prime file erano seduti i 120 ragazzi del campo con le loro magliette verdi e noi eravamo con loro.

Sei sceso in mezzo ai ragazzi per spiegare ed attualizzare il Vangelo.

E’ stato un momento molto partecipato e toccante che ricorderemo tutti per sempre.

Grazie.

Mancherà molto la tua costante e premurosa presenza accanto ai nostri malati, a chi soffre e ai più bisognosi.

In questi anni passati ad Erve, la tua umiltà,  la tua modestia e la tua presenza sono la più profonda testimonianza  di come sei riuscito  a portare tra noi il messaggio di Gesù: nei momenti più belli ma anche in quelli più dolorosi.

La tua azione pastorale, la passione che, ogni giorno hai dedicato alla nostra piccola ma coesa Comunità non andranno perdute.

Tutti noi, ci stringiamo a Te per ringraziarti delle cose fatte  e Ti garantiamo la comune preghiera per il tuo ministero nella Parrocchia di Bolgare e per il nuovo incarico di collaboratore alla Caritas Diocesana.

Grazie don Luciano soprattutto per averci dimostrato che la Fede si può trasmettere con la semplicità e le cose piccole di ogni giorno...come aveva fatto S. Francesco.

Sarai sempre con noi e quando ripenserai alle nostre verdi montagne, al nostro Resegone noi saremo lì e se ritornerai da noi saremmo felici di riavere ancora per un poco il nostro amato Pastore.

Ognuno di noi ha nel cuore un particolare momento legato alla tua presenza...sarebbe un elenco senza fine, per questo oggi ringraziamo nostro Signore per averci mandato in questi anni Te, don Luciano, come Parroco ad Erve. 

Come dice il Profeta Samuele ( 16:7 ) “ L’uomo vede l’apparenza, ma il Signore vede il cuore”. 

 

La Comunità di Erve, 15 Agosto 2019

 

 

 

A LAURA

 

Un pensiero ed un grazie anche a Laura,

che durante questi anni, abbiamo incontrato in paese più volte mentre, con cura e costanza, si recava a far visita ai nostri malati ed anziani.

La ringraziamo anche per il suo ruolo svolto nella catechesi dei ragazzi, nel CRE e nella preparazione dei momenti di preghiera missionari.